Mosella Suite Hotel: un sogno che spiega le vele a Sottomarina di Chioggia

Il Mosella Suite Hotel, Sottomarina, Chioggia: il racconto di un’esperienza che segue la sinfonia del vento, delle onde e dei desideri

Il Mosella Suite Hotel è un luogo unico che emerge come la prua di una nave onirica dalla Laguna Veneta. Ho avuto il piacere di trascorrere qui, nel primo Suite Hotel a Sottomarina di Chioggia, un vero weekend rigenerante. Un’esperienza in simbiosi con l’atmosfera veneziana, tra mare, laguna, pesca e vento. Un’immersione totale nelle bellezze naturali, storiche ed enogastronomiche di un territorio capace di conservare la sua purezza e autenticità.

Mosella, il primo Suite Hotel a Sottomarina di Chioggia

Il Mosella prende forma in una struttura moderna, in grado di evocare e rispecchiare alla perfezione il fascino dell’ambiente circostante. È come una conchiglia da cui udire la musica delle onde e del vento. Un guscio capace di custodire le fragranze di un’atmosfera senza pari.

Gli ampi spazi del Mosella Suite Hotel sono un porto ideale, la base dove godersi la brezza marina e la vista sulla darsena. L’albergo propone servizi esclusivi per dare sempre il massimo comfort ai suoi ospiti.

Il Mosella Beauty è il centro estetico dove farsi coccolare, una pausa di relax e benessere. La struttura dispone anche di una Fitness room e della spiaggia “InDiga”, con bar e terrazza panoramica. Uno spazio magico dove sorseggiare un cocktail ammirando la bellezza naturalistica della diga di Chioggia. Proprio come ho fatto io!

InDiga ha il merito di essere l’unico stabilimento balneare Pet Friendly di Sottomarina, essendo attrezzato per i nostri amici a quattro zampe.

Il Mosella Suite è anche raggiungibile in barca ed è possibile prenotare un ormeggio nella Darsena. L’hotel, che dispone di biciclette e monopattini, è il punto di partenza ideale per tour a impatto zero tra la storia e la natura della Laguna Sud. Un viaggio che ho fatto io stesso, pedalando tra orti, canali, ponti, bilanciere, porti e darsene.

La location del Mosella è perfetta anche per eventi aziendali, meeting, ricevimenti e matrimoni. Configurandosi quindi come una destinazione Bleisure incantevole e originale.

“Il vento è ciò che accade quando l’aria si innamora di sé stessa”

Appena arrivato a Sottomarina di Chioggia sono rimasto sbalordito dall’enorme numero di appassionati di windsurf e kitesurf. Un “esercito” corso in spiaggia per sfruttare la bora che imperversava ovunque.

La sabbia dorata di Sottomarina trasformata in un mosaico di tavole, vele e onde gonfie di energia. L’orizzonte punteggiato dalle vele colorate di centinaia di surfisti. Sembrava di trovarsi sulle coste australiane e statunitensi. Per un momento mi è parso che l’umanità avesse ritrovato una perduta armonia con gli elementi naturali.

Ho sentito e toccato con mano la forza e la delicatezza del vento. L’aria che respiriamo, il soffio vitale che semina le colture, il messaggero di suoni, voci e profumi di epoche remote.

Chioggia: una città figlia del mare

Domenica mattina ho invece visitato il centro storico di Chioggia e il Mercato del Pesce. Una vera e propria istituzione ittica. Un luogo antico, tesoro di tradizioni tramandate nei secoli, di generazione in generazione. Una location variopinta, dove i pescivendoli offrono un pescato di qualità e dai sapori incomparabili.

Ben impresso nella mia mente anche il considerevole numero di imbarcazioni da pesca di tutti i tipi. Chioggia vanta infatti una delle flotte di pescherecci più grande d’Europa. Una comunità che ha saputo mantenere l’indipendenza e i valori dei padri.  

Un grande potenziale per il turismo green

Una città che affonda le sue radici nella storia più antica, un intreccio inestricabile con il mare e la pesca. Un paese a forma di “spina di pesce”, dalle grandi potenzialità turistiche.

È la meta per chi ama uno stile di vita active: windsurf, kitesurf, corsi di vela, kayak, escursioni in barca, immersioni subacquee, pesca sportiva, equitazione e cicloturismo lungo la Via degli Orti, la Via del Sale o all’Isola Verde.

Itinerari mozzafiato in un territorio che abbraccia il mare e la laguna. A poche miglia dalla battigia è possibile immergersi per scoprire le “tegnùe” più vaste e spettacolari del Mar Adriatico. Una barriera corallina unica, vera e propria oasi di biodiversità.

Stefano Cigana

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *